"Questo è Parole Alvento.
E queste sono storie vere"

PODCAST

Alvento
italian cycling radio

Il nostro progetto si basa sullo stile narrativo, sul come trattare le storie legate al ciclismo. Non importa il cosa, quello che fa la differenza, a nostro giudizio, è come si racconta. Il podcast è un canale molto potente, che permette di entrare in questo mondo anche mentre si guida, si pedala, si cucina. E alle storie che vi raccontiamo con il nostro podcast dedichiamo la stessa cura di quelle che trovate sulla rivista.

Un progetto proiettato al futuro

La fruizione di contenuti audio, specialmente con i nuovi Device, è sempre più importante per sviluppare un piano di storytelling completo.
Abbonatevi a Parole Alvento sulla vostra app preferita: è gratuito e sarete informati di ogni nuova uscita!

Programmazione editoriale varia

Parole Alvento, così come la rivista, tratta tutti gli aspetti legati al ciclismo: ci saranno puntate dedicate alle corse e ai corridori, altre ad aspetti storici, altre ancora al viaggio, all'avventura, a materiali ed aziende e ancora all'urban cycling. Inoltre ascolterete puntate narrative, interpretate da Claudio Ruatti o Luca Mich e altre di live talk, con interviste e botta e risposta con i protagonisti.

Distribuzione su tutti i canali

Il nostro podcast è disponibile su tutte le principali piattaforme di audio streaming: da Spreaker a Spotify, da Apple Podcasts a Google Podcasts, oltre ad altri broadcaster minori. La qualità audio è molto elevata, vi consigliamo di ascoltarlo con cuffie o auricolari, in automobile o con un buon soundsystem. Ma va benissimo anche con il più scassato dei dispositivi!

Lavoro di squadra

C'è molto lavoro per produrre ogni singola puntata: una prima parte editoriale, di scelta e scrittura dei contenuti, affidati alla nostra redazione o al team di contributors che collaborano con la rivista. Poi c'è la parte di interpretazione e registrazione, affidata alle nostre voci ufficiali, Claudio Ruatti e Luca Mich. Infine tutto il lavoro di editing, montaggio e distribuzione. Insomma, senza una squadra forte e affiatata non si potrebbe raggiungere un risultato del genere.

Ecco le puntate di Parole Alvento

Qui di seguito le varie puntate del podcast Parole Alvento. Sono disponibili anche contenuti extra, come il testo integrale delle singole puntate, per poter approfondire ogni passaggio.

STAGIONE 1 - EP. 13

LEADVILLE 100

«Fu la prima volta nella storia che Lance Armstrong disse ciò e ribadì il concetto con poche semplici parole: I’m done. David Wiens non si guardò più indietro e sollevò le braccia all’arrivo per la sesta volta consecutiva, battendo ancora una volta il record di gara, di due minuti. Lo stesso Armstrong confidò che mai nella sua carriera aveva detto quelle parole a un avversario».

Per l'ultima puntata della prima stagione di Parole Alvento ci siamo spinti fuori dalla nostra comfort zone, andando a parlare di ruote grasse. Questa è la storia della massacrante Leadville Trail 100 MTB, una gara che ha fatto la storia e che ha messo sul mappamondo una località del Colorado che, dopo la crisi del settore minerario, rischiava completamente di essere dimenticata.

Testo: Paco Gentilucci
Interpretazione: Luca Mich
Sound design: Brand&Soda


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 12

100% DANIEL OSS

Questa puntata l'abbiamo registrata due settimane fa, a poche ore dalla partenza del Giro d'Italia - che in questi giorni si appresta ad affrontare la terza settimana. Siamo andati a trovare un Daniel Oss sereno e rilassato, anche se molto concentrato sulla Corsa Rosa. Non tanto per parlare di attualità, quanto per approfondire la sua visione del ciclismo, della professione di corridore. Per farci raccontare come lui stesso è evoluto in tutti questi anni in gruppo e come vede il suo futuro, in sella alla bicicletta ma non solo.
Daniel Oss è uno dei personaggi più riconoscibili del plotone, un professionista esemplare ma anche un grande comunicatore.
Godetevi questa oretta di freestyle, registrata a Trento a casa di Franz Perini, manager di Daniel. Disponibile anche in formato video podcast sul canale YouTube di Alvento.

Intervista: Claudio Ruatti
Sound design: Brand&Soda
Special thanks: Franz Perini


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 11

LA LOCOMOTIVA UMANA

La maglia rosa è simbolo di un primato, ma anche sogno per chiunque almeno una volta si è attaccato un numero sulla maglia o ha visto passare i corridori del Giro davanti ai propri occhi e li ha visti dare battaglia per qualla maglia lì: la maglia rosa. 

"La maglia rosa è quella cosa...": la prima volta fu il 10 maggio 1931 con Learco Guerra, esattamente novant'anni fa. 

E in questa puntata vi portiamo proprio alla scoperta di Learco Guerra, della prima maglia rosa indossata esattamente 90 anni fa, il 10 maggio 1931, dal regime di Mussolini che non accolse con entusiasmo quella maglia per via di un colore che non "si addice agli eroi, virili e ardimentosi, dello sport".

 Ma ecco la sua storia di 90 anni fa, la storia di Binda, di Guerra e dell'Italia dell'epoca.

Testo: Gino Cervi
Interpretazione: Luca Mich e Claudio Ruatti
Sound design: Brand&Soda


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 10

LA PRIMAVERA PERFETTA DI ENRICO BRIZZI

Enrico Brizzi è uno di quegli autori che ci piacciono. Uno che nella vita ha scelto di stare alvento. Il suo nuovo romanzo, 'La primavera perfetta', uscito il 15 aprile per Harper Collins, è ambientato interamente nel mondo delle corse professionistiche di ciclismo. Così abbiamo deciso di andare ad intervistarlo, per realizzare questo esplosivo talk in cui la bicicletta è al centro del discorso, ma come è lecito aspettarsi da un personaggio così poliedrico, si parla di tutto un po' e sempre con un punto di vista divertente e originale.

Intervista: Luca Mich e Claudio Ruatti
Sound design: Brand&Soda


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 9

JENS VOIGT, 51.110 KM

Il 18 settembre del 2014 Jens Voigt da qualche settimana non è più un ciclista professionista: ha appeso la bici al chiodo dopo aver corso il suo diciassettesimo Tour de France, chiudendo la sua carriera negli Stati Uniti d'America.
Il 18 settembre del 2014, Jens Voigt ha compiuto 43 anni da un giorno quando si getta in pista, nel velodromo Suisse di Grenchen, per tentare il record dell'ora. La storia che ascolterete in questo podcast è un estratto di Endure, libro di Alex Hutchinson che arriverà in libreria nel mese di maggio e non è solo la storia del tentativo di Voigt battere quel record, ma anche il significato di dolore, sforzo e sofferenza per un corridore. La sua gestione. La sua capacità di superare ogni limite. La sfida tra l'uomo e se stesso.

Words: Alex Hutchinson
Voice: Luca Mich e Claudio Ruatti
Sound design: Brand&Soda


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 8

ROUBAIX 2016, LA LEGGENDA DI MAT & TOM

C'è una corsa in particolare, chiamata Regina delle Classiche, che se la conquisti diventi il suo Re. È la Parigi-Roubaix: la più ambita, amata e temuta da chiunque abbia mai indossato un dorsale di gara. Ci sono storie indimenticabili: dall'ex aequo che premiò Serse Coppi nel 1949, ai successi dell'"Imperatore" Van Looy. Dagli incroci tra Merckx, De Vlaeminck e Moser al successo di Hinault, che l'ha vinta ma non l'ha mai compresa. Ci sono le gioie (tante) che ci ha dato Franco Ballerini; c'è il dominio Mapei, ci sono Tom Boonen e Cancellara che domando quelle pietre hanno costruito parte del loro mito. Ma ci sono storie che arrivano da quel velodromo fatte anche di carneadi e vittorie inaspettate. Una di queste avvenne il 10 aprile 2016, quando tutto sembrava apparecchiato per il quinto successo di Boonen e invece...

Words: Alessandro Autieri
Voice: Luca Mich e Claudio Ruatti
Sound design: Brand&Soda


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 7

IL PRINCIPE FIORENZO

C'è uno sport che, forse, molto più di altri racconta la Storia (quella con la S maiuscola), attraverso le sue storie, siano esse memorabili imprese di campioni o avventure di giornata di meno nobili gregari. Questo sport, lo sappiamo, è il ciclismo.
Nel ciclismo italiano c'è poi una storia che meriterebbe di essere raccontata nei libri di Storia (sempre con la S maiuscola): è quella di Fiorenzo Magni.
Lo chiamavano "il Leone delle Fiandre", per le sue vittorie nella classica del Nord; oppure "il Terzo Uomo", per aver il fatto di aver spesso goduto tra i due "litiganti" Coppi e Bartali.
Ma nella storia che stiamo per raccontarvi ci è piaciuto chiamarlo Il principe Fiorenzo.
E scoprirete perché.

Words: Gino Cervi
Voice: Claudio Ruatti
Sound design: Brand&Soda


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 6

LEGION OF LOS ANGELES

In questo episodio vi porteremo nelle trafficate strade di Los Angeles, non certo le prime che possono venire in mente quando si ha a che fare con le due ruote.
Eppure, nascoste dietro uno skyline da copertina, si celano storie di passione a due ruote che sanno di rivalsa ed inclusione, capaci di lanciare messaggi forti e fare intravvedere una nuova via al ciclismo americano.
Questa è Legion of Los Angeles ed è a tutti gli effetti un featuring tra Parole Alvento ed il podcast di cultura afroamericana Better Go Soul curato dallo storyteller Luca Mich.
Se vi piacerà il nostro consiglio è di cliccare senza esitazione il tasto segui di Spotify o Apple Music su entrambi i podcast e di condividerli con la vostra community.

Words: Luca Mich
Voice: Luca Mich
Soundtrack: Luca Cianchetta
Sound design: Brand&Soda


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 5

THE DIRTY JOB

Guardarli battersi è una gioia per gli occhi, è il più grande spettacolo offerto dal ciclismo degli ultimi anni. E poco importa che la rivalità nel ciclocross sia ormai completamente sbilanciata, con Van der Poel che nelle ultime tre stagioni ha vinto 65 gare sulle 70 a cui ha partecipato. Nelle 35 volte in cui i due si sono scontrati nello stesso intervallo di tempo, van Aert è riuscito a precedere il rivale i sole cinque occasioni. Certo, si potrebbe rilanciare con le corse su strada. La stagione 2020 ha visto van Aert quasi superare il rivale, se non altro almeno affiancarlo dopo che il rapporto sembrava segnato anche cambiando il terreno di scontro. Ma l'immagine conclusiva è il photofinish del Giro delle Fiandre: i due sono pressoché affiancati, ma davanti c'è Van der Poel. A dividerli però c'è una manciata di centimetri, mezza spanna al massimo. Ma i numeri non bastano a descrivere una rivalità, non sono i risultati a tenerla in vita.

Words: Filippo Cauz
Voice: Claudio Ruatti
Sound design: Brand&Soda


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 4

EKAR BY CAMPAGNOLO

Questo è il primo live talk di Parole Alvento!
Un format diverso rispetto allo storytelling, con ospiti intervistati.
Di tanto in tanto riproporremo questa formula, fateci sapere se vi piace!

Siamo andati nella sede di Campagnolo, a Vicenza, per scoprire tutto di Ekar, il nuovo gruppo 1x13 dedicato al gravel che oltre ad essere il più leggero nel settore, è anche estremamente innovativo. Abbiamo registrato un live talk con il product manager di Ekar, Giacomo Sartore e con il responsabile marketing Nicolò Ildos.
Nella chiacchierata viene approfondito ogni dettaglio della ricerca e sviluppo e delle caratteristiche tecniche di Ekar, ma saltano fuori anche dettagli da 'insider' di cosa vuol dire vivere e lavorare in un'azienda storica per il ciclismo come Campagnolo.
Il tutto nello stile easy e amichevole di Alvento.

Intervista: Claudio Ruatti
Ospiti: Nicolò Ildos, Giacomo Sartore
Sound design: Brand & Soda


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 3

CAFÉ DE COLOMBIA

In principio fu Efraín Forero, pioniere andino, che scalò il Parámo de Letras in mezzo a villaggi bruciati dalla guerriglia e dimostrò che anche in Colombia era possibile organizzare una corsa a tappe. Poi ci furono Ramón Hoyos Vallejo, raccontato da Márquez e dipinto da Botero e 'Cochise' Rodríguez che arrivò in Europa con tutta la sua irruenza e divenne fedele gregario di Gimondi.

Si passò per Patrocinio Jiménez, Herrera, Parra e diversi altri per giungere a Egan Bernal attraverso le conquiste non solo sportive di Urán e Quintana. Anche il ciclismo colombiano ha vissuto la propria epopea toccando il massimo splendore, almeno per il momento, con la vittoria al Tour del 2019 a opera proprio di un giovanissimo Bernal. Vi abbiamo raccontato questo e altro in una puntata ricca di storia, aneddoti, rivalità, musiche, drammaticità che vi terrà incollati al nostro podcast fino alla fine. Al termine dell'ascolto ce ne chiederete ancora e poi ancora...

Café de Colombia, ep.3
Words: Alessandro Autieri
Voice: Luca Mich
Sound design: Brand&Soda


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 2

THE ATLAS MOUNTAIN RACE

Che cosa ti spinge a iscriverti ad una gara di 1.145 chilometri e circa 20.000 metri di dislivello in completa autonomia, con partenza da Marrakesh e arrivo a Sidi Rabat, sul mare, dopo aver attraversato le montagne dell’Atlante e dell’Anti Atlante su strade coloniali e sentieri sterrati? La voglia di mettersi alla prova, di sperimentare. Di conoscersi un po’ di più. Di guardare in faccia e affrontare con i mezzi che hai situazioni incerte che possono avere un esito inaspettato.
Questo è il racconto della Atlas Mountain Race 2020 di Federico Damiani, in parte già pubblicato su Alvento 10 di maggio.

Ma il secondo episodio di Parole Alvento è composto da ben tre capitoli.
Infatti c’è una seconda parte dedicata ai consigli tecnici per affrontare una ultracycling di questa portata: come attrezzarsi, come gestire i momenti di difficoltà, cosa mettere nelle borse e tanto altro.
La terza parte, infine, è un’intervista con Federico che ci racconta dalla sua viva voce il viaggio in bici attraverso l’Atlante. E soprattutto ci spiega perché valga la pena vivere un’esperienza del genere.

Testo: Federico Damiani
Interpretazione: Claudio Ruatti
Montaggio/editing: Brand & Soda


INFO E CONTENUTI
STAGIONE 1 - EP. 1

THE SLOVENIAN AFFAIR

La prima puntata del nostro podcast è dedicata al ciclismo sloveno. In realtà è un’analisi ad ampio raggio per capire come sia possibile che da una nazione di due milioni di abitanti, con relativa tradizione sulle due ruote, possano essere usciti nel 2020 il corridore numero uno e due nella classifica mondiale.
Di seguito il testo completo di ‘The Slovenian affair’.
Testo: Alessandro Autieri
Con il prezioso contributo di Sergio Tavcar.
Interpretazione: Luca Mich


INFO E CONTENUTI